Kia Optima sportswagon

Kia Optima Sportswagon

Il costruttore Coreano ha presentato al Salone di Ginevra la sua prima familiare del segmento D, il perché abbia scelto un salone Europeo è presto detto, il vecchio continente e il miglior mercato per questa tipologia di veicoli, qui sia i privati che le aziende ( per le loro flotte) nutrono ancora un grande affetto per le station wagon.

Disponibile da settembre sia in versione berlina che station wagon la nuova Kia Optima ha nel mirino rivali come Skoda Superb, Mazda 6 o Volkswagen Passat, viene naturale chiedersi, sarà all’altezza? Kia dal canto suo mette sul piatto un’offensiva in grande stile, intende raggiungere il mezzo milione di auto vendute in Europa entro il 2018 cioè 115.000 unità più del 2015. Un’obbiettivo ambizioso ma vediamo nel dettaglio cosa offrirà quest’auto prima di giudicare.

Partiamo dalle dimensioni, Optima Sportswagon misura 4,85 metri di lunghezza, 147 centimetri di altezza e 1,86 metri di larghezza. Il bagagliaio con i sedili in configurazione standard e di 553 litri, 48 in più della berlina.
Il design risulta  dinamico e slanciato, la fiancata si “alleggerisce” grazie alla linea di cintura inclinata verso la coda, il frontale risulta grintoso ricco di cromature con fanaleria a Led, al posteriore gruppi ottici a sviluppo orizzontale piacevoli nel design che si inseriscono nel portellone ad azionamentro automatico di serie.

Il design interno, molto razionale, trasmette sensazioni di classe ed eleganza con plancia centrale inclinata verso il conducente che assicura un’esperienza di totale coinvolgimento. Climatizzatore dual zone intuitivo, sedile lato guida ergonomico regolabile elettricamente, dotazioni tecnologiche come lo SLIF (Speed Limit Information Function) che visualizza sul quadro strumenti e sul display del navigatore I limiti di velocità e i divieti di sorpasso, oppure il LKAS (Lane Keep Assist System) che indica e corregge gli sbandamenti dell’auto, fanno percepire quanto Kia Optima sia un’auto di qualità superiore.
Di serie oltre alla scocca composta per il 51% di acciai ad altissima resistenza ci sono 7 airbag ESC, servosterzo elettrico,compatibilità sia con Android Auto che con Apple CarPlay, ricarica wireless per gli smartphone abilitati, due versioni di display da 7 o 8 pollici con lettore MP3, Bluethoot, navigatore e retrocamera il tutto arricchito dai servizi Live firmati TomTom.
A richiesta per i più esigenti le sospensioni elettriche con modalità “normale” o “sport”e il sistema 360 Around View Monitor per avere una visuale totale di quel che succede attorno all’auto.

In Europa due motorizzazioni euro 6, un  benzina 2.0 litri 163 CV e un diesel 1.7 CRDI da 141 CV.